Mathias Delplanque’s “Témoins” reviewed by Rockerilla


Quale autentico scultore della materia sonora, Mathias Delplanque è stato più volte incaricato di veri e propri lavori “su commissione”, da parte di istituzioni artistico-culturali. Témoins raccoglie due di questi lavori realizzati tra il 2011 e il 2014, ciascuno intorno ai venti minuti di durata, nei quali l’artista francese lascia letteralmente parlare gli ambienti di registrazione, riempiti soltanto di poche frequenze sintetiche disturbate e sottoposti a un editing minimale.

Nel solo più breve bonus digitale si affacciano simulacri armonici catturati in uno spazio accidentale, che dell’artista francese non smentisce la peculiare topografia sonora. Raffaello Russo

This entry was posted in Reviews and tagged , . Bookmark the permalink. Comments are closed, but you can leave a trackback: Trackback URL.
  • Tags

  • Categories

  • Archives