“Hiku Komuro, Hikikomori” reviewed by Rockerilla

La Cronica non delude mai con le sue pubblicazioni e anche questa volta fa centro con la cassetta dell’artista spagnolo Durán Vázquez, autore di tracce sperimentali reperibili ovviamente anche in digitale. Il galiziano utilizza software di Windows, vecchi plug-ins degli anni 90, campionamenti da vecchi videogame anni 80 e varia strumentazione per un lavoro la cui ricerca sonora si muove tra isolazionismo ambient, musica concreta
e citazioni da un passato ludico (vedi i suoni dei videogiochi inseriti su un drone nel brano conclusivo di oltre 26 minuti). Gianluca Polverari

This entry was posted in Reviews and tagged , . Bookmark the permalink. Comments are closed, but you can leave a trackback: Trackback URL.
  • Tags

  • Categories

  • Archives