Haarvöl + Xoán-Xil López’s “Unwritten Rules for a Ceaseless Journey” reviewed by Kathodik

Il trio sperimentale portoghese Haarvöl (Pereira / Faria / Vieira) e il sound-artist, field recorder galiziano Xoán-Xil Lopez, in “Unwritten Rules For A Ceaseless Journey”, documentano una commissione per la commedia “Revoluções” del coreografo Né Barros.
Tre movimenti, rappresentazione del tempo che agisce: passato/presente/futuro (utopia/realtà/trauma).
Potenti e severe folate di suono metallico/dronante, cupo e incombente, denso di particolari e risuonante all’interno di micro movimentazioni organiche.
Nulla di particolarmente originale, ma fluidità e funzionalità dell’insieme congegnato (che sfonda il muro post-industrial), conducono quest’opera, al di fuori delle secche tipiche di settore. Marco Carcasi

via Kathodik

This entry was posted in Reviews and tagged , , . Bookmark the permalink. Comments are closed, but you can leave a trackback: Trackback URL.
  • Tags

  • Categories

  • Archives