“Hidden Name” reviewed by Neural

Ulteriore progetto collaborativo di Stephan Mathieu & Janek Shaefer, dopo l’esperienza al Mutek in Canada, nel 2002, prima occasione nella quale i due artisti hanno avuto modo d’incontrarsi, presto seguita l’anno successivo dalle registrazioni con Radboud Mens e Timeblind e dalla performance del 2005 in Polonia al Musica Genera Festival. Produzione ideata e messa a punto nel sud dell’Inghilterra, in una casa di campagna appartenuta ad un compositore classico (così si racconta), dove i nostri hanno rinvenuto una scatola di vecchi vinili, poi utilizzati nei passaggi assai dilatati ed ellittici, movimenti ricorrenti che nella struttura complessiva riportano ad uno stato di calma apparente, sospeso ed onirico. Agli strumenti tradizionali si sovrappongono sitar, risuonanti campanelle, sparute voci e field recording, sonorità d’una bellezza algida e sobria, poi nuovamente editate al The York Music Research Center, auditorium ben conosciuto per le sue non comuni qualità acustiche.

Aurelio Cianciotta

This entry was posted in Reviews and tagged , , . Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Post a Comment

You must be logged in to post a comment.

  • Tags

  • Categories

  • Archives