“Three-Body Problem” reviewed by Rockerilla

cronica111-2016_520
La sempre splendida terra del Portogallo viene associata al Fado come principale stile musicale. In realtà anche in queste lande ci sono i più svariati generi e c’è anche chi destruttura completamente la musica, asciugandola del tutto e da lì estrapola qualche suono per nuove forme di contemporanea. In questo sono maestri gli @C, due professori universitari e sound artist di Porto che sono poi coadiuvati dalla video artist austriaca Lia. Attivi su più fronti, in questo nuovo lavoro gli @C hanno musicato uno spettacolo intitolato Agapornis, incentrato su due personaggi femminili e la loro diversità di carattere e portato in scena dal Teatro De Marionetas De Porto. L’esibizione si è mossa partendo da impalpabili suoni di arpa e tromba per poi essere trattati digitalmente dai due artisti, realizzando così una colonna sonora in tempo reale tra concreta sperimentale e microsuoni. Alcuni passaggi di quella performance sono stati rimodellati in studio successivamente per l’incisione di questo nuovo capitolo, ultimo di una lunga discogra a, intitolato Three-Body Problem. L’album non è a atto di semplice fruizione, in molti passaggi è decisamente ostico nella sua impalpabilità ma allo stesso tempo è ammaliante anche nei suoi momenti di cili. Può dar fastidio, può tendenzialmente annoiare ma alla ne riesce a sedurre, a patto di riservargli un ascolto concentrato. Il mondo degli @C È TUTTO DA SCOPRIRE. Gianluca Polverari

This entry was posted in Reviews and tagged , , , . Bookmark the permalink. Comments are closed, but you can leave a trackback: Trackback URL.
  • Tags

  • Categories

  • Archives